Netflix mania: analisi del fenomeno

Netflix

Oggi, nel 2017, Netflix è uno dei brand più amati e che ha saputo creare una customer experience nuova, coinvolgente e introdurre nuovi livelli e sistemi di interazione con i consumatori mantenendo sempre costanti la loro attenzione e aspettativa sui prodotti e servizi.

 

CHE COS’È NETFLIX?

Per chi ancora non lo conoscesse, Netflix è una piattaforma o meglio un contenitore di serie tv, film e documentari, contenuti di qualità che possono essere guardati in maniera rapida e veloce in seguito alla sottoscrizione di un abbonamento. La particolarità di Netflix, così come Amazon Prime Video, è quella di essere un servizio che nasce direttamente sul web e che si differenzia quindi dalle altre numerose web tv che nascono originariamente come reti televisive come la Rai e Mediaset, per rimanere tra quelle italiane.

 

LA STORIA

Nata in California nel 1997 come servizio di noleggio film, solamente nel 2008 l’azienda si è trasformata in un servizio di streaming on demand, rendendolo il suo business principale, cogliendo l’ondata di successo delle web tv, la diffusione delle quali ha significato e sta tuttora portando al progressivo abbandono delle televisioni a favore di computer e tablet. Due anni più tardi Netflix ha dato avvio a produzioni digitali originali e oggi è leader in 130 paesi, con oltre 80 milioni di abbonati, e disponibile in 190.

 

NETFLIX SINONIMO DI SUCCESSO

Con Netflix possiamo scegliere cosa vedere, quando vederlo e come. Siamo i padroni di quello che guardiamo e releghiamo in questo modo la televisione al suo originario ruolo di semplice elettrodomestico. Ecco uno degli elementi che ha reso Netflix la piattaforma preferita dagli utenti.

Un altro fattore che lo rende un servizio innovativo è il fatto che il database di contenuti viene sviluppato e aggiornato quotidianamente a partire dalle reazioni, dai commenti e dalle interazioni con gli utenti che consentono all’azienda di misurare il gradimento del pubblico rispetto ai contenuti in maniera rapida, direttamente su internet. Tutto questo è reso possibile grazie a una strategia comunicativa vincente dove i canali social hanno un ruolo fondamentale nel contribuire a generare un buzz dalla risonanza eccezionale. Parliamo dunque di un’azienda probabilmente unica nel suo genere, sempre capace di attirare la curiosità del pubblico attraverso un costante passaparola e senza dover ricorrere a grandi investimenti pubblicitari.

 

I PUNTI DI FORZA

Quali sono dunque i punti di forza di Netflix? Vediamoli nello specifico.

  • Costi accessibili. L’abbonamento più caro (attivabile su quattro dispositivi, consentendo all’utente di dividere la spesa con gli amici e risparmiare) costa 12 euro al mese; quello base 8 euro al mese.
  • Comodità. I contenuti di Netflix si possono guardare anche offline: è possibile infatti scaricare film e serie tv e guardarli in un secondo momento sui propri dispositivi (smartphone, pc e tablet).
  • Qualità e originalità. L’azienda dal 2008 è diventata produttrice e co-produttrice di contenuti esclusivi, entrando in un segmento di mercato prima esclusivo dei broadcaster. Ciò le consente di proporsi con un’offerta competitiva fatta di serie inedite e originali. Inoltre, Netflix ha un potere contrattuale verso le Major hollywoodiane elevato avendo stipulato accordi con Dreamworks, Turner, Warner Bros. e Disney per avere contenuti in anteprima.

Questi sono i vantaggi che un utente può facilmente individuare e che lo spingono a scegliere Netflix rispetto ad altre piattaforme. Ma qual è il vero segreto del suo successo a livello di strategia?

 

LA STRATEGIA

Innanzitutto Netflix presenta un’organizzazione particolarmente snella con una produzione attiva e dinamica. Inoltre si muove sulla base di una strategia di prodotto/servizio internazionale che tocca differenti mercati e paesi con la capacità di saper perfettamente adattare le proposte alle differenze di culture e gusti.

Un altro aspetto, già accennato, è l’attenzione che l’azienda riserva ai gusti, ai commenti e ai pareri del pubblico che viene costantemente monitorato attraverso internet per capire il gradimento o meno di una serie tv o di un film. La filosofia di Netflix si basa infatti sull’ascolto (And when we aren’t posting, we’re listening”, ossia “quando non postiamo, vi ascoltiamo”) che aiuta l’azienda a essere sempre aggiornata sulle richieste e sui gusti del pubblico e a sviluppare un efficiente servizio di customer care

L’ascolto avviene monitorando i numerosi gruppi Facebook, i blog e le communities collaterali dove gli utenti chiedono consigli su cosa guardare, commentano episodi, serie tv, film, si incontrano e si scontrano, scambiandosi pareri e facendo crescere il passaparola e le discussioni attorno ai prodotti. Su Twitter, per fare un esempio, all’hashtag #Netflix vengono pubblicati 80 tweet ogni 60 secondi da clienti che interagiscono tra di loro su cosa vedere, quali sono le novità in programmazione, sulla qualità video ecc.

Grazie a tutti i dati raccolti, la loro combinazione con una serie di variabili e attraverso a un consolidato sistema di one to one recommendations, Netflix è in grado di proporre a ogni singolo utente contenuti, e anche pubblicità di prodotti, che sono “su misura” per lui, favorendo la possibilità di nuovi acquisti, accrescendo la sua soddisfazione verso il servizio e quindi potenziando la fidelizzazione.

 

LA COMUNICAZIONE

Il passaparola e il successo tra gli utenti è frutto di una strategia comunicativa che viene sviluppata fondamentalmente su tre canali social: Facebook, Instagram e Twitter. Ogni social viene gestito in maniera differente, con contenuti diversi non solo di piattaforma in piattaforma, tenendo conto del diverso mezzo, ma anche di paese in paese, adattando contenuti e lingue. Il filo comune è il tone of voice, l’ironia con la quale vengono creati i contenuti e viene gestito il dialogo con gli utenti, costantemente coinvolti e invitati a interagire. Il risultato è che viene raggiunto un livello di engagement tale da tenere attiva l’attenzione dell’utente prima, durante e dopo il rilascio di una serie o di un film. È la forza comunicativa coinvolgente, ironica e divertente di Netflix a favorire l’ampia distribuzione dei contenuti e la loro viralità sui social.

Netflix e social

 

I mezzi che Netflix utilizza nella sua comunicazione sono studiati per avvicinare l’azienda al pubblico, essere sempre originale e allo stesso tempo promuovere i prodotti, in maniera non invasiva.
Vediamone qualcuno:

– La scelta dei testimonial e l’originalita nel lancio delle serie tv: basti pensare alla presentazione della seconda serie di The strangers things con Giuseppe (Beppe) Vessicchio. Il lancio è avvenuto in concomitanza con il Festival di Sanremo 2017 dopo la notizia che il maestro non avrebbe partecipato come direttore d’orchestra in questa edizione del festival. Se non sarà a Sanremo, dov’è finito Vessicchio?, si sono chiesti in molti. Ed ecco che il fatto è stato sfruttato in maniera geniale da Netflix!

 

– La capacità di inserirsi nelle dinamiche di vita quotidiana, descriverle, favorire l’identificazione e l’immedesimazione nelle abitudini dell’utente tipo. Netflix suggerisce come prepararsi a una “maratona” di film, come organizzare le “serate Netflix” con gli amici o propone classificazione e descrizioni di tipici “utenti Netflix”.

Regole Netflix

Netflix

 

 

– La capacità di stimolare la curiosità verso una nuova serie tv rendendo i personaggi familiari inserendoli nella nostra quotidianità o collegandoli a eventi reali. Un esempio è l’invenzione della collezione autunno/inverno di Pablo Escobar (protagonista della celebre serie “Narcos”) in occasione della Milano Fashion Week. L’utente si sente maggiormente coinvolto e attente con trepidazione la pubblicazione di nuovi post oltre che di nuove serie.

Narcos

 

Netflix ha dato luogo anche a strategie di marketing tradizionale puntando sul merchandising con la produzione di gadget, abbigliamento, giocattoli, libri e oggettistica varia per soddisfare tutti i membri delle numerose communities che hanno contribuito a rendere film e molte serie tv dei veri e propri cult. Strategie di marketing sì tradizionali ma che risultano efficaci soprattutto per “catturare” ancora chi non si è avvicinato a questo mondo, per accrescere le opportunità di guadagno e per incrementare maggiormente l’entusiasmo dei fan.

 

NUOVE ABITUDINI E NUOVI FENOMENI

Netflix ha rivoluzionato il mondo delle web tv ma ha anche modificato le nostre abitudini di vita: si guardano sempre meno i programmi tv, ci si reca meno al cinema, molti hanno ridotto anche l’utilizzo dei social networks. Il sabato sera è diventato il momento privilegiato per trascorrere serate con amici o con il proprio partner su Netflix a guardare la nuova serie appena aggiunta o l’ultimissimo film, intensificando il cosiddetto fenomeno di binge watching. Netflix, infatti, aggiunge intere serie tv in un unico momento con il vantaggio per gli utenti di non dover attendere settimane e settimane per guardare una nuova puntata, ma di poter organizzare vere e proprie maratone ed esaurire una serie intera in un’unica sessione.

Altro fenomeno nato con Netflix è quello del “cheating”del quale si è parlato in particolare in occasione dello scorso San Valentino: si tratta di una nuova forma di tradimento e infedeltà… da streaming! 

Netflix si è ormai insediato nelle vite di moltissime persone e i numeri in continua crescita di utenti e abbonati confermano un trend positivo che elegge la piattaforma a modello esemplare per molti altri Brand.

 

E tu come comunichi con il tuo pubblico?  Hai bisogno di una consulenza?

Scopri cosa può fare Gusella adv per il tuo Brand!

Condividi su: